FANDOM


Basilisco
Basilisco di Salazar Serpeverde
Informazione biografica
Data di nascita

Medioevo, intorno al 993 o poco dopo

Data di morte

29 Maggio 1993 (aveva più di 1000 anni di età)

Alias

Serpente di Serpeverde (Serpent of Slytherin)

Informazione fisica
Specie

Basilisco

Sesso

Femminile[1]

Occhi

Gialli

Famiglia
Affiliazione
Lealtà
Questo Basilisco fu messo nella Camera dei Segreti da Salazar Serpeverde, uno dei fondatori della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts.

Biografia

Nascita

Salazar Serpeverde fece nascere questo Basilisco appena terminata la costruzione della Camera dei Segreti, probabilmente con il classico metodo: usando un rospo per covare un uovo di gallina (non è chiaro che fine abbiano fatto i genitori del serpente). Il Basilisco avrebbe risposto agli ordini solamente di Salazar Serpeverde e del suo legittimo erede (Lord Voldemort): nemmeno maghi capaci di parlare il serpentese avrebbero potuto controllarlo. Questo basilisco sarebbe dovuto rimanere nascosto per secoli dentro la sua dimora, finchè un giorno appunto l'erede di Serpeverde avrebbe ri-aperto la nascosta camera dei segreti e controllato il serpente per uccidere ogni mago non Purosangue della scuola onorando la casa di Serpeverde e i suoi ideali. 

Prima apertura della Camera dei Segreti

Nel 1942, la Camera dei Segreti fu trovata e aperta da Tom Riddle (in futuro Lord Voldemort), un ragazzo Serpeverde del quinto anno. Siccome era l'Erede di Serpeverde, poteva controllare il Basilisco, dandogli ordini in Serpentese. Tutte le vittime sono state pietrificate, non essendo state guardate direttamente dal mostro, tranne Mirtilla Malcontenta che fu uccisa dallo sguardo diretto del Basilisco.

Seconda apertura della Camera dei Segreti

Cinquanta anni dopo la prima apertura, la Camera dei Segreti fu aperta ancora, questa volta da Ginny Weasley, una ragazza Grifondoro del primo anno, sotto il controllo del Diario di Tom Riddle, un Horcrux.

Durante l'anno scolastico 1992-1993, il Basilisco pietrificò Mrs. Norris, Colin Canon, Justin Finch-Fletchley, Nicholas de Mimsy-Porpington, Penelope Light e Hermione Granger.

Verso la fine dell'anno, Ginny viene rapita dall'ombra di Tom Riddle, emersa dal suo diario che era un Horcrux. Gilderoy Lockhart, che sosteneva da sempre di essere a conoscenza dell'ubicazione della Camera dei Segreti e di sapere quale fosse il suo mostro e come batterlo, fu incaricato dagli insegnanti di Hogwarts di scendere nella camera e di combattere contro la creatura. Lui però non aveva minimamente l'idea di quale fosse la creatura nascosta li dentro, ne tantomeno le abilità per affrontarla. Lui quindi tenta di fuggire per evitare l'incarico, ma Harry Potter e Ron Weasley lo scoprono e lo prendono di forza portandolo con lofo sotto la camera dei segreti . Appena arrivati vedono subito la muta di un gigantesco serpente, e Lockhart intuendo il pericolo decide di cancellare la memoria dei due ragazzi rubando la bacchetta di Ron e usando un incantesimo di memoria. La bacchetta di Ron però era malfunzionante, e quindi causa l'effetto inverso cancellando la memoria a se stesso. L'urto dell'incantesimo causa una frana, perciò Harry viene diviso da Ron, che rimane con Lockhart privo ormai di memoria e mezzo stordito. Harry Potter, rimasto da solo, prosegue per la camera e trova una porta con dei serpenti-statua, che riesce ad aprire parlando in serpentese.

Battaglia con Harry Potter e morte

Harry raggiunse il cuore della camera dei segreti e incontrò l'ombra di Tom Riddle che rivelò essere Lord Voldemort, assieme a Ginny dal quale esso stava sottraendo energia. Riddle chiamò il Basilisco, che uscì da una statua enorme di Salazar Serpeverde costruita su un piccolo specchio d'acqua. L'enorme serpente inseguì Harry Potter ma la Fenice di Albus Silente, Fanny, arrivò in suo aiuto e acciecò il basilisco per fare in modo che Harry potesse combattere contro di lui senza paura d'esser ucciso dal suo sguardo. Fanny portò anche il Cappello Parlante a Harry, nel quale quest'ultimo trova la Spada di Godric Grifondoro. Il gigantesco serpente seguì Harry per le tubature, ma essendo cieco non riesce a vederlo ed Harry lo distrasse lanciando un sasso come diversivo per fargli cambiare direzione. Il serpente si allontanò, ed Harry tornò da Ginny. Riddle disse lui che non poteva fare nulla per lei, e il basilisco riemerse di sorpresa dal piccolo laghetto sotto la statua. Harry scoprì della presenza della spada nel cappello, quindi la prese e iniziò a fuggire dal basilisco. Salendo sulla statua di Salazar Serpeverde, Harry ingaggiò una battaglia contro il serpente che tentò di morderlo ma a causa della sua cecità lo mancò colpendo la statua. Il basilisco tentò un altro morso, ma Harry riuscì a ucciderlo trafiggendolo dalla bocca con la spada di Grifondoro. L'enorme serpente cadde a terra senza vita, e Harry scoprì che durante lo scontro era stato colpito da una delle sue velenose zanne. Sceso dalla statua, Harry usò la stessa zanna del Basilisco che lo aveva colpito per distruggere il Diario di Tom Riddle trafiggendolo e far sparire la sua ombra. Poco dopo, Fanny cura l'avvelenamento di Harry con le sue lacrime, che erano l'unico antidoto possibile per il veleno del Basilisco.

Post-mortem

Il Basilisco dopo essere stato ucciso rimane li, e col tempo diventa uno scheletro. Nel 1998 Hermione Granger e Ron Weasley scendono nella Camera dei Segreti per prendere una delle sue zanne dallo scheletro, poichè il veleno del Basilisco è capace di distruggere gli Horcrux. Con questa zanna distruggono la Coppa di Tosca Tassorosso, uno degli Horcrux di Voldemort.

Carattere

Il Basilisco di Serpeverde sembra un killer malvagio e assetato di sangue, che non vede l'ora di uccidere o pietrificare le sue vittime. Difatti Harry Potter quando capisce il suo linguaggio lo sente dire ripetutamente la parola "Uccidere". Questo basilisco a causa della magia di Serpeverde risponde solamente agli ordini di Lord Voldemort, poichè è il suo legittimo erede, ed è estremamente leale a lui. Esso gli da ordini in serpentese, e il basilisco li ascolta. Altri maghi capaci di parlare il serpentese non sono comunque capaci di controllarlo, perchè questo esemplare risponde solo agli ordini dell'erede di Serpeverde.

Vittime

Uccisi

Pietrificati

Dietro le quinte

  • Lo scheletro del basilisco trovato nel 1998 sembra in una posizione diversa rispetto a quando fu ucciso da Harry, ad esempio la bocca sembra più spalancata. Questo potrebbe far pensare che qualcuno sia già ri-passato nella camera dei segreti e gli abbia preso una zanna per qualche motivo, oppure semplicemente che i ratti presenti nella camera si siano cibati del corpo e lo abbiano spostato.
  • Il sesso del basilisco di Salazar Serpeverde non è ben definito in quanto non viene chiaramente detto ne nel film, ne nel racconto. Con molta probabilità è femmina, in quanto i Basilischi maschi presentano una piuma rossa sulla testa e questo esemplare non sembra averne. Tuttavia, la sua voce udita da Harry Potter nel film sembra maschile. Rimane comunque più probabile si tratti di una femmina, a causa del motivo detto prima.
  • Nei suoi secoli rinchiuso sotto la camera dei segreti, non è ben chiaro cosa abbia mangiato il Basilisco per sopravvivere. Molto probabilmente, si è cibato dei ratti che la abitano. 
  • Appena Harry, Ron e Lockhart entrano nella Camera dei Segreti, atterranno su degli scheletri che sembrano umani. Questo potrebbe far pensare che Salazar Serpeverde, quando era ancora ad Hogwarts, cibasse il Basilisco con delle persone.

Note

  1. Gli Animali Fantastici: Dove Trovarli (Basilischi maschili hanno una piuma rossa sulla testa)
  2. Harry Potter e la Camera dei Segreti - Capitolo 16: La Camera dei Segreti
  3. Harry Potter e la Camera dei Segreti - Capitolo 9: La Scritta sul muro
  4. Harry Potter e la Camera dei Segreti - Capitolo 10: Il Bolide pirata
  5. 5,0 5,1 Harry Potter e la Camera dei Segreti - Capitolo 11: Il Club dei Duellanti
  6. 6,0 6,1 Harry Potter e la Camera dei Segreti - Capitolo 14: Cornelius Fudge
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.