Harry Potter Wiki
Advertisement
Harry Potter Wiki

Articolo-ufficio-misteri-velo.jpg

E alla fine, c’è ovviamente la Stanza della Morte, che è una delle stanze dell'Ufficio Misteri . La morte è certamente uno dei grandi misteri del mondo babbano: la grande sconosciuta. Tuttavia i maghi sembrano conoscere qualcosa che a noi sfugge. Basti guardare i fantasmi, alla Pietra della Resurrezione, allo strano sogno di Harry su una specie di purgatorio ne “I Doni della Morte”. Ma soprattutto, basta vedere il vecchio arco di pietra che si trova al centro della Stanza della Morte, con il suo velo, oltre il quale Sirius Black cadde, come ben sappiamo, senza fare ritorno. È un portale dal quale i sussurri dei morti possono essere sentiti. Che cos’è il velo? È una delle più grandi domande nella serie di Harry Potter.

Descrizione

"Quella stanza, illuminata da una luce fioca, era più grande dell'altra e anch'essa rettangolare, però il centro era concavo e formava una cavità rocciosa profonda poco più di sei metri. Si trovavano sulla fila superiore di una serie di panche di pietra che correvano tutt'attorno alle pareti e scendevano sino in fondo alla cavità, ripide come i gradini di un anfiteatro o dell'aula di tribunale dove Harry era stato giudicato dal Wizengamot. Invece di una sedia con le catene, però, al centro si trovava una piattaforma di roccia sulla quale si ergeva un arco di pietra così antico, rovinato e pieno di crepe che Harry si meravigliò che fosse ancora in piedi. Privo di pareti che lo reggessero, l'arco era chiuso da una logora tenda nera, una specie di velo che, nonostante l'assoluta immobilità dell'aria fredda tutto intorno, fluttuava come se qualcuno l'avesse appena toccato. «Chi è là?» fece Harry, scendendo con un salto sulla panca di sotto. Non ebbe risposta, ma il velo continuò a ondeggiare. «Attento!» sussurrò Hermione. Saltando da una panca all'altra, Harry continuò a scendere finché non ebbe raggiunto il fondo della cavità e avanzò piano verso la piattaforma, il suono dei suoi passi che rimbombava nella stanza. Visto da là sotto, l'arco ogivale sembrava molto più imponente. E il velo continuava a muoversi come se qualcuno fosse appena passato.[...] Harry l'arco, pur vecchio com'era, aveva una sua bellezza. E quel velo che continuava a incresparsi lo incuriosiva: provava l'impulso sempre più forte di salire sulla piattaforma e attraversarlo. «Andiamo, Harry?» ripeté Hermione, più decisa. «D'accordo» le rispose, ma senza muoversi. Aveva sentito qualcosa. Dall'altra parte del velo provenivano sussurri fiochi, mormorii sommessi. «Che cosa dite?» chiese, e la sua voce echeggiò contro i sedili di pietra. «Nessuno ha detto niente!» rispose Hermione, avvicinandosi. «C'è qualcuno che mormora là dietro» disse Harry. Si scostò da lei e continuò a fissare accigliato il velo. «Sei tu, Ron?» «Sono qui, Harry» disse Ron, sbucando da dietro la piattaforma. «Nessun altro li sente?» insisté Harry, perché i sussurri e i mormorii erano diventati più forti; senza rendersene conto aveva messo un piede sulla piattaforma. «Li sento anch'io» bisbigliò Luna. Li raggiunse e fissò la stoffa fluttuante. «C'è qualcuno là dentro!» «Come sarebbe 'là dentro'?» sbottò Hermione in tono più irritato del ne- cessario, saltando giù dall'ultima panca, «non c'è nessun 'dentro', è solo un arco, non c'è spazio per nessuno. Dài, Harry, smettila, andiamo via...» Lo afferrò per un braccio, ma Harry oppose resistenza. «Harry, siamo venuti qui per Sirius!» esclamò Hermione con voce acuta, esasperata. «Sirius» ripeté lui, senza staccare lo sguardo ipnotizzato dal velo flut- tuante. «Sì...» Qualcosa gli scattò nel cervello: Sirius... catturato, legato, torturato... e lui stava lì a fissare quell'arco... Arretrò di colpo, distogliendo a fatica gli occhi dal velo. «Andiamo» disse. «È proprio quello che... oh, insomma, muoviamoci!» tagliò corto Her- mione, girando attorno alla piattaforma. Dall'altro lato, anche Ginny e Neville erano immobili, gli occhi puntati sul velo. Senza una parola, Hermione prese Ginny per un braccio, Ron acciuffò Neville, e insieme li trascinarono verso la panca più bassa, poi si arrampicarono su fino alla porta."

 "Harry Potter e l'ordine della fenice "

Apparizioni

Advertisement